5 cosa da fare e vedere in un week end ai Giardini-Naxos

giardini-naxos

La Sicilia è l’isola più estesa del mar Mediterraneo.

Racchiude numerose perle storiche e paesaggistiche tutte da scoprire. Per questo ogni anno milioni di turisti sbarcano in questa stupenda oasi per godersi una meritata vacanza tra storia, natura e buon cibo.

Tra le tante mete turistiche disponibili una delle più gettonate è Giardini-Naxos in provincia di Messina. In questo articolo proporremo un breve elenco di attività e itinerari originali per vivere un’esperienza unica in questo magnifico territorio.

  1. Le spiagge: Giardini-Naxos può vantare una costa meravigliosa puntellata da numerosi luoghi dove godersi una rigenerante giornata al mare. La spiaggia di Recanati è caratterizzata dai sassolini che esaltano grazie al riflesso solare le acque turchesi del Mediterraneo. San Giovanni è situata più a nord e ricorda una spiaggia esotica per i suoi contrasti cromatici e la sabbia molto fine. Schisò è molto probabilmente la più bella e anche la più famosa. Circondata da una vegetazione lussureggiante è completamente attrezzata per il turismo balneare. Qui si possono trovare infatti numerosi lidi, pizzerie, ristoranti e alberghi. Il porticciolo di Saja invece è un posto meno noto, ma molto più autentico. Le spiagge lasciano il posto a delle suggestive baie e calette isolate per un’autentica immersione nella natura pura e selvaggia.
  2. Il lungomare: dopo una giornata in spiaggia non c’è nulla di meglio di una bella passeggiata sul lungomare. La via pedonale è puntellata dai locali come ristoranti e botteghe per i turisti. Il porticciolo è uno dei posti più amati grazie alle tipiche barchette colorate che riposano in attesa di tornare in alto mare.
  3. Centro storico: per molto tempo questa cittadina è stata considerata la prima colonia greca fondata in Italia. Questi illustri natali sono testimoniati dalla statua di Nike visibile sul lungomare. Più a sud si possono ammirare anche i resti dell’antica via romana consolare con le statue del Sileno e di Teocles. Al termine del percorso di può visitare il tempio olimpico edificato per celebrare Naxos. Questo straordinario pugile riuscì a vincere infatti ben 4 edizioni consecutive delle olimpiadi di Olimpia.
  4. Castello di Schisò: questo patrimonio della storia siciliana svetta sulla baia che contraddistingue il panorama di Giardini-Naxos. Inizialmente il nucleo architettonico era composto solo da una torre d’avvistamento, ma negli anni i reggenti locali hanno aggiunto altri edifici raggiungendo una superficie totale di 3000 metri quadrati. Adesso il complesso è di proprietà della regione Sicilia che intende valorizzare il castello riaprendolo definitivamente al pubblico.
  5. Parco archeologico: la prima colonia greca fondata su suolo italico è una meta irrinunciabile. I turisti possono passeggiare tra le vie della città antica per ammirare i resti degli edifici sacri o le mura erette con la pietra lavica del vulcano Etna. Il parco ospita anche un museo archeologico ricco di reperti risalenti al periodo della colonizzazione greca. L’area è facilmente raggiungibile e si trova tra il capo Schisò e il capo Taormina.

Conclusione

La Sicilia è una delle destinazioni principali per le sue numerose attrazioni e la ricca tradizione gastronomica.

Tra le mete più visitate si possono senza dubbio annoverare Catania, Palermo, Messina, Trapani, Siracusa, le isole Egadi e San Vito lo Capo. Esistono però altri luoghi di villeggiatura, meno famosi dei precedenti, che possono rappresentare una valida alternativa al turismo di massa.

Giardini Naxos è una di queste perle da esplorare, scoprire e ammirare una volta giunti sull’isola. Si trova a metà tra le città di Messina e Catania ed è raggiungibile tutto l’anno. Chi vuole uscire fuori dagli schemi e vedere come vivevano i primi coloni greci deve assolutamente visitare Giardini-Naxos.